Consulenza Web Marketing

Tutto quello che devi sapere sui consulenti e sulle consulenze in ambito marketing

Creare Un Sito Web Gratis? 18 Buoni Motivi Per Non Farlo

La maggior parte dei principianti alle prese col primo sito web vogliono mantenere i costi al minimo e hanno ragione. La prima cosa che fanno è googlare “sito web gratis” e si ritrovano con una sfilza di compagnie che offrono uno spazio web gratuito.

Facile cadere in tentazione, ma poi si iniziano a scoprire le varie limitazioni che rendono questi servizi non proprio gratuiti.

Se stai pensando di creare un sito web gratis, fermati un momento e rifletti sulle 18 ragioni per non farlo elencate qui sotto.

  1. Il tuo sito sarà lentissimo

La maggior parte degli hosting provider metterà il tuo sito insieme ad altre centinaia sullo stesso server, il che lo rallenterà di brutto. Un bel problema che influisce anche su un aspetto fondamentale per il successo online: la user experience. 

  1. Dominio non professionale

Avere un url tipo miosito.sitiwebgratis.com renderà il tuo sito meno credibile agli occhi di utenti e possibili acquirenti, che sapranno subito che non ci hai investito niente. Il dominio è parte integrante del tuo brand su internet.

  1. Gratis, sì, ma solo per poco

Buona parte di questi servizi restano gratuiti per un certo lasso di tempo, dopodiché ti arriva la parcella, e spesso si parla di cifre ben più alte di quelle richieste persino dai leader del mercato. Se non ci credi, ti basta guardare i prezzi dei migliori hosting professionali per farti un’idea. Noterai che non serve investire una fortuna sin dall’inizio.

Peggio ancora, se hai inserito una carta di credito al momento dell’iscrizione, ti prenderanno i soldi senza farti sapere nulla.

  1. Opzioni a pagamento

Queste aziende non fanno beneficienza, in qualche modo devono guadagnarsi il pane. Ecco perché molte di queste mettono alcuni servizi a pagamento, come l’hosting delle immagini, account email, accesso a FTP, migrazioni ecc… e li paghi anche tanto!

  1. Migrazione dati impossibile

Tanti utenti iniziano con un sito free per poi spostarsi un verso un hosting a pagamento, e spesso si ritrovano senza un tool che gli permetta di effettuare il trasferimento. A questo punto tocca pagare (caro) un freelance che faccia un trasferimento manuale.

6.Pubblicità sul tuo sito

Parlavamo dei modi per monetizzare un servizio “gratis”. Questo è un altro. Alcuni hosting, infatti, ti lasciano creare i tuoi contenuti gratuitamente, per poi riempirlo di ads, per le quali vengono pagati. E si parla in molti casi di roba del tutto irrilevante se non deleteria per l’immagine del tuo business. Dai un’occhiata qui per capire come funziona.

  1. Il tuo sito può sparire improvvisamente

Se vai a leggere i termini e condizioni attentamente, scoprirai che il provider si riserva il diritto di eliminare il tuo sito senza doverti spiegare il perché e quel che è peggio è che lo faranno senza lasciarti nemmeno un backup. 

  1. Il provider può sparire improvvisamente

Un altro motivo per cui potresti non vedere più il tuo sito è che l’hosting stesso ha deciso di chiudere i battenti. Come al punto precedente, perderai tutto il lavoro svolto sinora e senza la minima possibilità di prendertela con nessuno.

  1. Puoi perdere il dominio

Sempre in caso di chiusura del servizio, l’indirizzo del tuo sito andrà perso per sempre. In gran parte dei casi si parla di un sottodominio associato all’hosting (es. “miosito.blogspot.it”). In ogni caso, non potrai ricreare un dominio identico e fare redirect del sito.

  1. I tuoi dati non sono al sicuro

Un sistema più subdolo per fare soldi sui siti gratis è vendere le informazioni sensibili degli utenti. Ricorda: se non paghi, allora la merce sei tu! Prova pure a cercare, ma non troverai nessun appiglio per difenderti in questi casi.

  1. Niente sitebuilder

Una delle differenze tra un hosting gratuito e uno a pagamento sono i tool messi a disposizione degli utenti. Quelli dei servizi free sono spesso lacunosi e inefficienti, al punto che dare un look professionale al tuo sito sarà un’impresa impossibile.

  1. Niente WordPress

Molti hosting free non permettono di installare WordPress, il CMS per antonomasia. Il motivo è che le risorse richieste vanno spesso oltre quel che un servizio gratuito può garantire. Questo vale anche per chi accetta WP, nel qual caso ti ritroverai comunque a bestemmiare per creare un semplice sito, sempre a causa delle risorse inique dedicate a farlo funzionare.

Nel caso ti stia chiedendo perché insistiamo su WP, leggi questo articolo che ti spiega perché è il miglior programma per creare siti web.

  1. Rischio Malware

Svariati provider gratuiti sono stati negli anni portatori di diversi malware. Questo può avere due ragioni: lo scarso livello di sicurezza del servizio o una commissione ricevuta dal creatore del virus. In entrambi i casi, sarà un bel danno per il tuo sito in fatto di reputazione e SEO.

15.Rischio link farm

Uno dei motivi per cui vedi questi servizi sparire e poi riapparire come per magia è che tentano di monetizzare con sistemi scorretti. Uno ben noto è quello di sfruttare la rete di siti creati dagli utenti come una link farm, per vendere backlinks a spammer, siti sul gioco d’azzardo o che vendono merce di contrabbando, truffatori ecc.

  1. Larghezza di banda limitata

Con “larghezza di banda” intendiamo la quantità di dati che viene trasferita da un server al tuo browser. Si tratta di una risorsa non illimitata e che pertanto costa dei soldi. Ecco perché la maggior parte dei siti di hosting gratis offrono una larghezza di banda ridotta ai minimi termini.

17.Spazio su disco limitato

Free website companies host hundreds of websites sharing same server and hard disks. They usually give you very limited storage to store your data. When you reach that limit, you are often asked to pay for more storage.

I siti free vengono ospitati sullo stesso disco fisso insieme a centinaia di altri siti. Quindi, lo spazio a disposizione per il tuo sito sarà davvero ridotto e, una volta passato il limite, dovrai pagare e non poco.

Conclusioni

Sperando che questo articolo ti abbia fatto aprire gli occhi sul perché creare un sito gratis non sia una buona idea, ti consigliamo di ripensare le tue priorità e farti i tuoi conti per capire quanto budget puoi dedicare alla crescita del tuo business.

Torna in alto